Il sogno di pace di Antonio Megalizzi
10 febbraio 2019
Mens sana in corpore sano
10 febbraio 2019

AMBIENTE A KM 0

Immaginiamo di essere al supermercato e di dover acquistare dei pomodori. Troveremo dinanzi a noi dei bellissimi e gustosissimi pomodori Pachino, orgoglio del Made in Italy agroalimentare. Adesso sforziamoci di ricostruire il viaggio di questi pomodori prodotti esclusivamente in Sicilia ed in particolare nel Sud-Est siciliano.

La prima tappa del viaggio di questo pomodoro è Vittoria: il più grande mercato siciliano dei prodotti ortofrutticoli. Da qui partono i pomodori per raggiungere i bancali dei supermercati attraversando autostrade, celle frigorifere, imballaggi e depositi. Il trasporto su gomma è il più utilizzato per questa categoria di prodotti agroalimentari. E per permettere di raggiungere destinazioni quali i grandi centri i costi di trasporto e confezionamento raggiungono cifre ingenti sfiorando i 90 centesimi al kilo, addirittura il doppio di quanto è riconosciuto all’agricoltore!

La stima dei costi non può fermarsi qui. I costi ambientali sono maggiori: autotreni percorrono quotidianamente chilometri per raggiungere le destinazioni richieste dalla Grande Distribuzione Organizzata. Insieme al pomodoro più amato dagli italiani vengono trasportati chili di contenitori e di plastica per imballaggi.

A tutto questo c’è una soluzione? Sì. La soluzione possiamo trovarla accanto casa, cercando nella nostra città i prodotti a km 0. La stessa denominazione “prodotto a km0” ci fa immaginare un viaggio meno dispendioso dal punto di vista ambientale! Inoltre il prodotto a km 0, di norma, non prevede imballaggi voluminosi o contenitori in plastica monouso. Altro importante vantaggio ecologico.

Nella stima dei vantaggi dei prodotti a km 0 bisogna considerare non solo i vantaggi ambientali, ma va tenuto conto anche della salute del consumatore, della stagionalità dei prodotti ortofrutticoli disponibili, dell’equità del prezzo per il consumatore e dell’equità del guadagno del produttore. Tutto questo deve essere di stimolo per il consumatore.

La quotidianità fa la differenza, le piccole cose (se fatte da tutti!) sono la vera differenza. A noi giovani generazioni il compito di iniziare da qui, dalle piccole cose.

Luigi Rauseo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *